Depurarsi dopo le feste
Angela Caporale20247 Lettori

La dieta depurativa per rimettersi in forma dopo le feste

Mangiare in Salute

Tra pranzi in famiglia e cenoni in compagnia, il periodo delle feste natalizie è ricco di abbuffate tra amici e poco tempo per mantenersi in forma. Capiterà a molti di sentirsi gonfi o appesantiti, e non è certo un’esclusiva del periodo di Natale: anche il rientro dalle vacanze estive e i primi freddi autunnali rappresentano momenti di stress per il nostro organismo.
L’importante, tuttavia, è ripristinare presto le abitudini alimentari sane e la regolarità dello stile di vita: abbiamo preparato una proposta di dieta basata sui prodotti di stagione, utile a chi vuole depurarsi dopo le feste sentirsi presto di nuovo in equilibrio.

Depurarsi dopo le feste: perché abbiamo bisogno di regolare la dieta dopo il Natale?

Dimagrire dopo le feste

Dal cenone della Vigilia ai dolci nella calza della Befana, le feste sono ricche di appuntamenti culinari: i menù a più portate fanno sì che il tempo trascorso in tavola si dilunghi per ore intere. Talvolta viene addirittura a mancare qualche ora di pausa, necessaria anche per mantenere la salute dei denti, tra pranzo e cena. Ritagliarsi il tempo quotidiano per fare un po’ di attività fisica è difficile e i piatti della tradizione sono spesso ricchi di carboidrati, grassi, sodio e zuccheri semplici, nutrienti che, in quantità eccessive rispetto al fabbisogno, contribuiscono all’aumento della massa grassa, al gonfiore e all’accumulo di sostanze nocive. Contemporaneamente, pandoro, panettone e torroni vari comportano un sovraccarico di lavoro per il fegato.

Di conseguenza è utile riprendere a fare attività fisica regolare il più presto possibile ed accompagnare lo sport ad un regime alimentare che possa soddisfare le necessità (o richieste) nutrizionali del nostro organismo, utilizzando i cibi di stagione.

Dieta depurativa invernale: cosa mangiare e perché

Qualsiasi dieta depurativa fonda la sua efficacia su una corretta idratazione e quindi sul consumo adeguato di acqua (almeno 2 litri al giorno) e la scelta di cibi freschi, soprattutto frutta e verdura e alimenti che facilitano la digestione, messa a dura prova dai cenoni.

Tutti conosciamo la sensazione di gonfiore e pancia troppo piena, ma non tutti sappiamo come porvi rimedio senza ricorrere a medicine o bicarbonato. Nella dieta depurativa, per esempio, possiamo scegliere fonti integrali di carboidrati complessi (pane, pasta, crackers, fette biscottate ecc.) perché apportano più fibra e più micronutrienti (sali minerali e vitamine) rispetto al prodotto raffinato, ed inoltre aumentano il senso di sazietà, facilitano il transito intestinale e riducono l’indice glicemico del pasto.

Affaticato dal consumo di dolci, proprio il fegato è, insieme ai reni, il principale responsabile dell’eliminazione delle tossine nel nostro corpo: va quindi “sostenuto” con un’alimentazione sana e corretta nella sua funzione depurativa. Tra gli effetti benefici vi è una riduzione della produzione di colesterolo. In particolare, sono preziosi gli alimenti ricchi di vitamine A, E e C e di Ferro e Zinco.

Broccoli

Per seguire un’alimentazione ancora più equilibrata, gli specialisti raccomandano di assumere soprattutto cibi di stagione. Da questo punto di vista, l’inverno ci offre una scelta tra diverse varietà di frutta e verdura tipica dei mesi più freddi dell’anno.

  • Arancia. In qualsiasi varietà, le arance sono preziose perché sono dei veri e propri concentrati di vitamina C, utili per purificare l’organismo e per rafforzare le difese immunitarie.
  • Limone
  • Pompelmo. Tra gli agrumi, il pompelmo si differenzia poiché contiene provitamina A, C, D, B1, P. Alla funzione depurativa, accompagna quella anti-tumorale e anti-colesterolo.
  • Non tutti sanno che proprio il kiwi è uno dei frutti più ricchi di vitamina C: mangiato da solo o all’interno di una macedonia, permetterà all’organismo di ritrovare l’equilibrio.
  • Cavolfiore. In questa verdura sono concentrate sia le vitamine (A e C) che i minerali (potassio, calcio, fosforo, ferro) più importanti per i nostri organi depurativi. Sono indicate anche gli altri componenti della famiglia delle crucifere (broccoli, cavolo, verza, cavolo romano…) ricchi di vitamine, sali minerali, fibre e sostanze antitumorali.
  • Noto per le capacità digestive, il carciofo favorisce la diuresi e abbassa i livelli di colesterolo, incrementati dai tipici piatti natalizi.
  • Finocchio. Con piatti a base di finocchi, è possibile agire sul gonfiore addominale, oltre che sulla facilitazione della digestione. Proprietà tale per cui molte tisane digestive sono proprio a base di finocchio.

Il consiglio degli esperti è di consumare 2 porzioni di frutta fresca al giorno e almeno 2 porzioni di verdura di stagione, da inserire sia a pranzo che a cena, variando tipologia e colore in modo da fornire tutti i micronutrienti necessari per il buon funzionamento dell’organismo.

Va detto inoltre che frutta e verdura tendono a perdere le loro proprietà se conservate a lungo, o se preparate utilizzando metodi di cottura “aggressivi”, come fritture e soffritti. L’ideale è consumarle fresche e crude oppure adottando metodi di cottura adeguati, come la cottura al vapore in modo da preservare il più possibile le caratteristiche nutrizionali dell’alimento. Tagliate a pezzetti, utilizzate come condimento o anche spremute, grazie ad una centrifuga o ad un estrattore come abbiamo consigliato in questo articolo, risulteranno utili e gustose.

Depurarsi bevendo: tisane, tè e altri consigli

Tisana depurativa

Tè e tisane, durante l’inverno, non sono utili soltanto per scaldarsi, ma hanno importanti proprietà depurative e disintossicanti. Naturalmente, non tutte le bevande calde hanno le stesse caratteristiche, inoltre,  è importante ricordare che non vanno zuccherate. Consigliamo in particolare:

  • Tè alla menta. Ricca di vitamine C, A e D, la menta contribuisce alla depurazione dell’organismo agevolando la digestione e agendo per eliminare le tossine in eccesso.
  • Tè verde. Questa bevanda svolge una duplice funzione: da un lato, è un concentrato di antiossidanti, dall’altro stimola il metabolismo.
  • Tisana a base di tarassaco, preziosa per depurare il corpo.
  • Tisana a base di finocchio o carciofo: utilissima per stimolare e facilitare la digestione.
  • Tisana a base di cardo mariano. Non dissimile dal carciofo, questa pianta ha un simile effetto diuretico.
  • Tisana allo zenzero. La radice che trova ampio utilizzo nelle ricette di dolci natalizi, può supportarci anche nel corso della dieta detox: infatti, la tisana a base di zenzero ha molte proprietà benefiche a tutto tondo per l’organismo.

Dieta depurativa: la giornata tipo

Yogurt

 

Veniamo, dunque, a proporre un esempio di una giornata seguendo la dieta depurativa e disintossicante per rimettersi in forma dopo le feste.

Colazione

Yogurt magro naturale, due fette biscottate integrali e macedonia di kiwi, arance e mele.

Spuntino

Frutto fresco di stagione, ad esempio un pompelmo, anche in spremuta non dolcificata.

Pranzo

Un piatto unico composto da verdure di stagione: 200 grammi di cavolfiori e broccoli lessi conditi con Olio EVO e limone, 70/80 grammi di riso integrale e 100 grammi di nasello cotto al vapore.

Spuntino

Frutto fresco di stagione oppure estratto di frutta e verdura di stagione mista

Cena

Minestrone a base di verdure (zucca, carote, cavolo, broccoli) e legumi (in particolare, ceci e fave) con Olio EVO e limone.

Dopo cena

Tisana depurativa o tè verde, deteinato, senza dolcificanti ulteriori.

Seguire una dieta per disintossicarsi dopo le feste permetterà di rimettersi presto in forma ed eliminare i residui di pranzi e cenoni sul nostro corpo. L’effetto sarà ancora più evidente se, contemporaneamente, si riprenderà ad eseguire attività fisica in maniera regolare. Per un’alimentazione più ricca possiamo integrare e mescolare i 30 cibi della categoria smartfood, selezionati proprio perché proteggono il nostro corpo. Tenendo sempre presente che è buona prassi confrontarsi sempre con uno specialista che agisca a tutto tondo per migliorare lo stile di vita partendo dalle abitudini alimentari.

Angela Caporale
Friulana trapiantata a Bologna, dove lavora nel campo del giornalismo e della comunicazione. Per UniSalute scrive articoli di approfondimento su temi trasversali legati alla salute, al benessere e alla prevenzione.

COMMENTA