Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
barattolo di sale e saliera

Il decalogo della prevenzione di Marco Bianchi: limitare il consumo di sale

Amici, torniamo, insieme a Unisalute, a parlare di prevenzione, con una serie di regole, semplici pratiche quotidiane per tutelare la nostra salute. Negli scorsi appuntamenti abbiamo sottolineato l’importanza di tenere sotto controllo il peso e di evitare una vita sedentaria, la necessità di introdurre nella nostra dieta sempre più frutta e verdura, di limitare i cibi grassi ed evitare le bevande zuccherate, ma anche di come vada limitato il consumo di carne e di alcol. Oggi invece parliamo di un altro dei pilastri della prevenzione: il consumo di sale.

In Italia quello giornaliero è mediamente 10,6 g negli uomini e 8,2 g nelle donne. Peccato, però, che secondo l’OMS il consumo di sale al giorno non dovrebbe superare i 5 grammi (pari a 2 grammi di sodio).

Perché è importante ridurlo? Perché il sale notoriamente correla con molte patologie, come ipertensione, malattie cardiovascolari, insufficienza renale, obesità, osteoporosi e cancro, in particolare all’apparato digerente. Il sodio, in particolare, attiva l’angiotensina, una proteina che stimola la vasocostrizione aumentando quindi la pressione sanguigna.

Come possiamo imparare a ridurlo, senza però rinunciare al gusto? Ecco alcuni consigli. Innanzitutto, provate a diminuirlo gradualmente, per adattare il palato ad un gusto nuovo, e avvicinatevi al mondo del non sale, imparando a insaporire i cibi con erbe, spezie, aglio, limone o aceto nelle insalate.

Attenzione ai più piccoli, si raccomanda di non aggiungere sale nelle pappe dei bambini, almeno per tutto il primo anno di vita. Ed in generale è sempre meglio educare i più piccoli al sapore autentico degli alimenti.

Un’ultima osservazione. Quando parliamo di sale, non si intende solo quello a tavola. La maggior parte di sale che introduciamo nella nostra dieta proviene dai prodotti che acquistiamo. Il consiglio è sempre quello: impariamo a leggere le etichette, dove devono essere riportati, in ordine decrescente, gli ingredienti, e scegliere i prodotti a basso contenuto di sale, cioè inferiore a 0.3 grammi per 100 g (corrispondenti a 0.12 g di sodio).

 

Marco Bianchi
Divulgatore scientifico per Fondazione Umberto Veronesi e Food Mentor. Promuove i fattori protettivi della dieta e le regole della buona alimentazione attraverso consigli gastronomici che aiutano a prevenire le patologie più comuni. Per FoxLife ha condotto due docu-reality: Aiuto, stiamo ingrassando! e Tesoro, salviamo i ragazzi! sulla sana alimentazione e i corretti stili di vita di bambini e adulti.

COMMENTA