Animale domestico: caneBenessereMamma e bambinoOsservatorio UnisaluteRagazza si allaccia le scarpe da corsaCoppia Terza EtàWelfare Aziendale Unisalute
panettone valori nutrizionali

Panettone per chi soffre di colesterolo e diabete: durante le feste è consentito uno strappo alla regola?

Insieme al pandoro, il panettone è un vero e proprio simbolo culinario del Natale italiano, sempre presente sulla tavola delle feste, in vari momenti: a fine pranzo, nel pomeriggio, a colazione. Sappiamo già che non si tratta di una preparazione leggera, ma è legittimo chiedersi se almeno nel giorno di Natale questo dolce lievitato possa essere consumato anche da chi soffre di diabete o di colesterolo alto e deve, quindi, tenere particolarmente sotto controllo la propria alimentazione. Vediamo allora quali sono i nutrienti contenuti nel panettone, i valori nutrizionali e i consigli per il consumo.

Il panettone: valori nutrizionali del dolce natalizio

Il panettone tradizionale è un prodotto lievitato a base di farina, zucchero, uova, burro, uvetta, canditi. L’apporto calorico è molto alto e oscilla tra le 350 e le 360 kcal per 100 g di prodotto, ma può superare le 400 se scegliamo una versione del dolce particolarmente elaborata, come quelle farcite con delle creme. Troviamo inoltre circa:

  • 55 g di carboidrati
  • 14 g di grassi
  • 12 g di proteine.
panettone apporto calorico

Quanthem/shutterstock.com

Il contenuto di fibre è alto, quello di vitamine e minerali è invece del tutto trascurabile. Questo amato dolce di Natale è un alimento poco saziante, ma con le sue 350-360 kcal apporta il 18-19% dell’intero fabbisogno giornaliero di un adulto: è quindi evidente che consumarlo con una certa frequenza, seppur limitata al periodo delle feste, non è una buona idea per la nostra salute. Bisogna inoltre tenere in considerazione che, in genere, lo mangiamo dopo un pranzo già molto abbondante, al quale non dovremmo aggiungere le calorie di questo dessert. Il panettone, infatti, andrebbe destinato a una pausa lontana dal pasto principale, oppure alla colazione, e la porzione ideale è una fetta di circa 30 g.

Panettone e colesterolo alto: possiamo cedere alle tentazioni?

Per chi soffre di colesterolo alto, l’alimentazione e lo stile di vita non devono mai essere trascurati. Durante le feste può essere più complicato, perché le tentazioni a tavola sono numerose, ma le alternative sane e gustose non mancano: sul nostro blog, infatti, abbiamo dedicato un articolo al menù di Natale ad hoc, con tanti consigli e soprattutto ricette da provare.

Tornando al nostro dolce tradizionale, è indubbio che l’apporto elevato di grassi saturi e zuccheri non renda il panettone adatto alla dieta di chi soffre di colesterolo alto, ma consumarne una piccola porzione, una o due volte durante le festività e lontano dal pasto principale, non è vietato, a meno che non ci sia una raccomandazione da parte del medico curante. Il consiglio è di preferire i panettoni non farciti e artigianali, che hanno ingredienti di alta qualità, oppure di optare per un dessert più leggero, sempre senza esagerare.

panettone farcito

RHJ/gettyimages.it

Panettone e diabete: meglio attenersi alle indicazioni del medico

Anche per chi soffre di diabete la tavola di Natale può comportare dei rischi, così come il periodo in generale, poiché può risultare più difficile rispettare le indicazioni alimentari necessarie a tenere sotto controllo questa patologia. I menù natalizi tradizionali sono troppo ricchi, e i dolci non sono da meno: il panettone è sicuramente un alimento sconsigliato, per il suo contenuto di zuccheri, tuttavia il paziente diabetico può consumarlo in modo moderato e saltuario, lontano dal pasto principale. Anche in questo caso, però, si tratta di una indicazione che può essere avvalorata soltanto dal medico.

Alternative al panettone per chi soffre di colesterolo alto e diabete

Dolci spunti in cucina per diabetici

Concedersi una porzione di dolce non vuol dire per forza esagerare. Con le ricette giuste, anche chi soffre di colesterolo alto o di diabete può consumare un dessert gustoso, senza mettere da parte le preziose indicazioni che riguardano la sua salute. Per quanto riguarda il panettone, abbiamo già ricordato che non è da escludere in maniera categorica, ma è consigliabile prima di tutto chiedere un parere al proprio medico, e poi sceglierne uno di produzione artigianale, che non abbia farciture. Un’alternativa per i pazienti diabetici, per esempio, può essere il Panettone con farina di farro da preparare in casa, seguendo la ricetta che trovate nel nostro articolo, insieme ad altre due ricette di dolci a basso contenuto di zuccheri da preparare per Natale: i torroncini di cioccolato e mandorle e le scorzette d’arancia al cioccolato fondente. Trovate altri consigli della nutrizionista nell’articolo dedicato al menù di Natale per diabetici, insieme alla ricetta del budino al cioccolato fondente senza zuccheri aggiunti.

I dolci per chi soffre di colesterolo alto

I dolci adatti a chi soffre di colesterolo alto sono quelli a base di ingredienti vegetali: un panettone vegano potrebbe rappresentare un buon compromesso, ad esempio, ma ci sono tante altre possibilità, allontanandosi dalla tradizione natalizia.

muffin carote

Sedaeva/gettyimages.it

Nel ricettario del nostro blog possiamo trovare:

Oltre ai consigli sull’alimentazione, è importante ricordare che durante le feste non bisogna trascurare l’attività fisica, altrettanto fondamentale per il benessere, a maggior ragione quando si soffre di patologie come il diabete o l’ipercolesterolemia. Prendersi cura della propria salute è un obiettivo da non perdere mai di vista, e in quest’ottica può essere utile valutare una polizza assicurativa come Protezione Famiglia, che vi permette di effettuare esami e controlli, ma anche di ricevere una consulenza personalizzata con un piano di allenamento e alimentazione su misura.

Avevate mai valutato questa opzione?

Erica Di Cillo
Erica Di Cillo vive e lavora a Bologna e da alcuni anni collabora con diverse testate online. Per il blog InSalute scrive articoli finalizzati a divulgare le buone pratiche di prevenzione e controllo della salute.

COMMENTA