Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
tosse grassa

Tosse grassa: quali sono le cause e come comportarsi

Tanto fastidiosa quanto utile, la tosse è una reazione naturale del corpo, come abbiamo già visto tempo fa in un approfondimento sulla tosse secca persistente, uno dei sintomi più comuni dell’influenza, oltre a mal di gola e febbre, e decisamente sgradevole e a volte più difficile da eliminare di quella grassa, di cui ci occuperemo oggi. Caratterizzata dalla presenza di catarro, la tosse grassa può essere sintomo di un’infezione batterica in atto nei bronchi o nei polmoni, ma può avere anche altre cause. Vediamo allora quali sono le sue cause e quali i rimedi migliori per sedarla.

Tosse grassa: cause e sintomi

Il catarro è una secrezione delle mucose delle nostre vie respiratorie che si forma nella parte alta dei polmoni e, quando è molto abbondante, occlude parte dei bronchi: è proprio la tosse a spingerlo fuori. Grazie a questo meccanismo di difesa, infatti, l’apparato può tornare libero.

La tosse grassa è detta anche umida o produttiva proprio perché è presente del catarro, ed è il tipico sintomo di un’infezione a carico dell’apparato respiratorio, come ad esempio:

  • una complicanza dell’influenza
  • un’infezione batterica
  • una bronchite
  • una polmonite.
influenza tosse

Africa Studio/shutterstock.com

L’evoluzione di questo problema, così come il colore delle secrezioni che la accompagnano, può costituire un indizio per scoprire da cosa è causato. Ad esempio, in genere una tosse grassa che segue a quella secca, e si accompagna a sintomi come mal di gola e febbre, può essere una complicanza dell’influenza. Anche le infiammazioni come tracheiti, faringiti o bronchiti, sono caratterizzate dalla comparsa, in un secondo momento, della tosse grassa, che si può accompagnare a un fastidio alla gola di intensità variabile. La tosse può, infine, diventare anche cronica: è quello che accade, ad esempio, ai fumatori. Le mucose dell’apparato respiratorio, infatti, sono perennemente irritate dal fumo di sigaretta: la tosse persiste per settimane o mesi e può ripresentarsi ciclicamente nel corso dell’anno.

Se la tosse è costante, produttiva e intensa al mattino, può essere sintomatica anche di un’altra patologia legata al fumo, la BPCO (Broncopneumopatia cronica ostruttiva), che riduce notevolmente le capacità respiratorie della persona colpita. Anche i tumori ai polmoni, l’edema e gli ascessi polmonari, l’asbestosi, provocata dall’esposizione all’amianto, hanno tra i sintomi la tosse grassa, tuttavia, la sua comparsa è accompagnata dalla presenza di altri disturbi, come un deficit del sistema immunitario, o una importante perdita di peso. Come abbiamo visto, infatti, la tosse è una difesa del nostro organismo, un modo per liberarsi da batteri, virus ed eventuali corpi estranei presenti nelle vie respiratorie: va monitorata per individuarne le cause, ma in genere il suo decorso è piuttosto breve.

radiografia torace

Consigli contro la tosse grassa

Per quanto sgradevole, la tosse grassa andrebbe il più possibile lasciata sfogare: è bene in alcuni casi rivolgersi a un medico, che indagherà la natura del problema, ad esempio attraverso una radiografia del torace, ed eventualmente prescriverà dei farmaci adatti, ma è sempre meglio non assumere antitussivi. Il muco presente all’interno dell’apparato respiratorio, infatti, contiene batteri che devono essere espulsi; bloccando la tosse, si interrompe anche questo processo e i tempi di guarigione possono allungarsi. È utile, invece, assumere dei mucolitici fluidificanti, che aiutano a espellere il catarro accumulatosi nei bronchi.

Se la tosse dovesse persistere per più di una settimana, è comunque consigliabile rivolgersi al medico, suggerimento ancor più valido se si riscontrano sintomi come

  • difficoltà nella deglutizione
  • sibili durante la respirazione
  • febbre
  • espettorato di colore giallo-verde o presenza di sangue.

Consigli contro tosse

Rimedi naturali per la tosse grassa

Per contrastare naturalmente la tosse grassa e agevolarne il decorso, è importante per prima cosa mantenere l’ambiente in cui si vive abbastanza umidificato. Anche le inalazioni di vapore sono consigliate. Il senso di fastidio e bruciore alla gola si può invece alleviare con delle caramelle al miele o balsamiche, così grazie a tisane calde, che aiutano a sciogliere il muco nelle vie respiratorie. Ottime quelle a base di erbe aromatiche come timo e menta, ma anche quelle con eucalipto o allo zenzero.

Durante la notte, la posizione migliore per evitare attacchi di tosse è quella a pancia in giù. Quando le vie respiratorie sono infiammate, inoltre, è sempre meglio restare al caldo e non frequentare zone con forte inquinamento atmosferico. Infine, un consiglio che ha valore universale: smettere di fumare, non soltanto per evitare che la tosse cronicizzi o per ridurre il rischio di malattie più gravi ai polmoni e ai bronchi, ma per migliorare le condizioni di salute generali e vivere meglio.

Come abbiamo visto, quindi, la tosse grassa è un sintomo che può associarsi a disturbi molto diversi. Sebbene nella maggior parte dei casi guarisca in pochi giorni, è sempre meglio rivolgersi al medico qualora il decorso fosse più lungo, ed effettuare dei controlli che possano escludere le patologie più gravi. Per avere delle risposte in tempi brevi può essere utile, per esempio, chiedere una consulenza attraverso i Piani individuali UniSalute, polizze pensate per la prevenzione e le esigenze di tutta la famiglia.

 

Quali rimedi adottate contro la tosse grassa?

Erica Di Cillo
Erica Di Cillo vive e lavora a Bologna e da alcuni anni collabora con diverse testate online. Per il blog InSalute scrive articoli finalizzati a divulgare le buone pratiche di prevenzione e controllo della salute.

COMMENTA