Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
Varicella

Quali sono i rischi legati alla varicella e come alleviare il prurito?

Dal 2003 al 2013 i casi di varicella in Italia si sono, fortunatamente, quasi dimezzati, passando da 180 casi su un campione 100.000 persone a soli 99. Un traguardo importante per una patologia infettiva che colpisce, tuttora, 60.000 persone all’anno, in particolare bambini. Infatti, il Ministero della Salute annovera proprio la varicella, insieme a rosolia, morbillo, pertosse e parotite tra le malattie contagiose dell’infanzia poiché colpisce prevalentemente i bambini tra i 5 e i 10 anni. Proprio per arginare il problema, il Ministero della Salute ha reso obbligatorio il vaccino contro la varicella per tutti i nati a partire dal 2017 con la prima dose nel secondo anno di vita, e la seconda a 6 anni.

Vediamo, dunque, come avviene la trasmissione, quali sono i sintomi della varicella e come curarla, puntando a ridurre il fastidio causato dal prurito.

Varicella: come avviene il contagio?

Varicella contagio

La varicella è una patologia infettiva provocata dal virus Varicella zoster, appartenente alla famiglia degli Herpesvirus. Si trasmette solamente da uomo a uomo, per via aerea attraverso tosse e starnuti, tramite il contatto diretto con una delle lesioni causate dalla malattia, oppure attraverso la placenta durante la gravidanza.

Nella maggior parte dei casi, si tratta di un disturbo benigno che guarisce in una decina di giorni. Tuttavia è importante curarla prontamente sia per evitarne la diffusione sia per limitare i rischi di degenerazioni: infatti, il decorso è più aggressivo se ad essere colpiti sono adolescenti ed adulti, e nel 10/20%, sempre secondo il Ministero della Salute, in alcuni casi può causare l’herpes zoster, quello che viene comunemente chiamato “fuoco di sant’Antonio”, anche a distanza di anni.

I sintomi: come riconoscere la malattia

Varicella sintomi

Per riconoscere la presenza o meno della varicella è importante prestare attenzione ad alcuni sintomi ben specifici che, nella maggior parte dei casi, compaiono in serie: inizialmente, infatti, la varicella si manifesta con un’eruzione cutanea maculo-papulosa, le tipiche bolle rosse che causano prurito. È accompagnata, poi, da qualche linea di febbre e da una sensazione di generale malessere.

Le bolle, chiamate scientificamente papule pruriginose, compaiono sulla testa, sul tronco, sul viso e sugli arti in fasi successive, per poi trasformarsi, spesso, in vescicole, pustole e crosticine che cadranno in maniera autonoma.

Non esiste un numero fisso di papule per tutte le persone contagiate dalla varicella: solitamente oscilla tra le 250 e le 500, ma in alcuni casi possono essere anche molto meno, ragion per cui è importante non sottovalutare anche i primissimi sintomi. Infatti, la varicella ha una fase di incubazione di 2 o 3 settimane durante il quale è già possibile trasmettere la malattia; il periodo di contagio, inoltre, non si può considerare concluso finché tutte le croste non siano cadute.

Quali sono i rischi legati alla varicella?

Sebbene si tratti, per l’appunto, di una malattia generalmente benigna e molto diffusa, la varicella può portare a delle complicanze che è bene tenere in considerazione. Infatti, tra di esse ci sono superinfezioni batteriche, trombocitopenia, artrite, polmonite, epatite e meningoencefalite. Queste patologie sono più frequenti se la malattia viene contratta in età adulta così come può rappresentare un problema grave in gravidanza.

Varicella donna incinta

Infatti, le complicazioni in questo caso possono colpire sia la madre che il feto. La varicella contratta dalla madre nel terzo trimestre della gestazione, per esempio, può avere conseguenze molto gravi. Un altro caso pericoloso è quello della varicella neonatale grave, se la madre viene a contatto con il virus nel periodo compreso tra 5 giorni prima del parto e 2 giorni dopo: nel 30% dei casi, l’esito è letale per il bambino. Infine, non va sottovalutata nemmeno la sindrome da varicella congenita connessa ad un contagio della madre tra l’ottava e la ventesima settimana di gravidanza.

Come alleviare il prurito?

Alleviare prurito, varicella

La diagnosi della varicella avviene tramite una semplice visita medica poiché, per uno specialista, è possibile individuare con facilità la causa delle papule pruriginose. La terapia che deve essere sempre concordata con uno specialista, mira ad alleviare i sintomi permettendo al virus di fare il suo corso senza determinare danni. Per questo motivo, si consiglia un farmaco antipiretico per contrastare la febbre: meglio evitare quelli a base di acido acetilsalicilico come l’aspirina, poiché aumentano il rischio di sindrome di Reye, e preferire le soluzioni a base di paracetamolo.

Il problema più sentito legato alla varicella, soprattutto tra i bambini, è però il prurito. È fondamentale, infatti, che le bolle non vengano grattate perché ciò rallenta la guarigione. Come fare, dunque, per provare ad alleviare il fastidio? Una soluzione è quella di cospargere la cute interessata dalle bolle con del talco mentolato all’1% e, solo su indicazione del proprio medico, somministrare un farmaco antistaminico.

Una soluzione efficace per alleviare il prurito è anche quella di indossare biancheria e capi di cotone, tenendo sempre mani e unghie pulite in maniera da ridurre anche gli effetti del grattarsi.

L’isolamento per ridurre il contagio

Varicella come evitare il contagio

 

Trattandosi di una malattia molto contagiosa, il Ministero della Salute ha individuato anche alcuni provvedimenti specifici nei confronti del malato, aggiungendo alcuni suggerimenti per famiglia e conviventi con il fine di ridurre le possibilità di diffusione della varicella.

Infatti, è necessario che il soggetto infetto venga isolato in casa per almeno 5 giorni a partire dalla comparsa delle prime vescicole. Devono essere ridotti i contatti con altre persone, ed evitati assolutamente quelli con chi non ha mai contratto la malattia, neonati o donne in gravidanza.

Nei casi più gravi, può essere prevista anche l’ospedalizzazione e, allora, va tutelato anche il personale del nosocomio che può essere esposto alla malattia.

Essendo una malattia molto diffusa e molto nota, la varicella non deve spaventarci, tuttavia, come abbiamo visto, un intervento tempestivo, il confronto con il proprio medico curante, e prendere alcune precauzioni sono fondamentali sia per evitare il diffondersi del contagio, sia come buona pratica di prevenzione. Prassi da non sottovalutare e che può entrare nella routine quotidiana in maniera naturale, soprattutto se ci si affida ad un’equipe di specialisti come quelli convenzionati con UniSalute e a disposizione nel caso si stipuli un piano sanitario individuale. Conoscete quali sono le opportunità a vostra disposizione e in che modo possono aiutare in caso di malattie infettive come la varicella, ma non soltanto? Raccontateci le vostre esperienze e strategie per alleviare i sintomi di questa malattia.
Fonti:
salute.gov.it
isss.it

Angela Caporale
Friulana trapiantata a Bologna, dove lavora nel campo del giornalismo e della comunicazione. Per UniSalute scrive articoli di approfondimento su temi trasversali legati alla salute, al benessere e alla prevenzione.

COMMENTA