Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
unisalute run tune up

Unisalute e Run Tune Up: una vittoria già scritta

È ormai una relazione consolidata quella che lega la bellissima città di Bologna alla Run Tune Up, la mezza maratona che da 15 anni si svolge all’ombra delle Due Torri.

Un legame che quest’anno, con la presenza di UniSalute, diventa più forte e più intenso, perché scandisce a chiare lettere un concetto ormai risaputo: lo sport è una delle pratiche di prevenzione più efficaci, dunque, è salute.

Run Tune Up Piazza-Maggiore

Ed è questo il motivo per cui, a correre a fianco della Run Tune Up, quest’anno, è proprio UniSalute, che dell’importanza della prevenzione e di un corretto stile di vita orientate alla salute e al benessere, ha fatto la sua ragion d’essere.

Dopotutto – come ha affermato alla conferenza stampa di presentazione dell’evento lo stesso Giacomo Lovati, Amministratore Delegato UniSalute – “Più che chiederci il perché dell’unione tra UniSalute e Run Tune Up, faremmo bene a chiederci perché ci abbiamo messo 15 anni per arrivare a questo, dal momento che parliamo di un meraviglioso evento per la città di Bologna, che coinvolge persone attente allo sport e alla salute?”

UniSalute e Run Tune Up: perché proprio la corsa?

Pensateci bene: tra tutti gli sport, la corsa è in assoluto il più democratico, perché può essere praticato ovunque, quando si vuole e non implica costi.

Lo sanno bene gli italiani che la amano e la praticano, peraltro in continua crescita: secondo l’ultima indagine Brooks, a praticarla abitualmente nel nostro Paese sono in 6 milioni, di cui il 55% sono uomini e il 45% donne, e senza distinzione di età.

Rune-tune-up

Un dato che ci rincuora perché la corsa è un hobby che apporta benefici davvero notevoli alla salute: aiuta a bruciare calorie, riduce la pressione arteriosa e aumenta il colesterolo buono. Dunque questo sport è un ottimo alleato nella prevenzione delle malattie cardiache e del diabete, ma non è tutto, perché tra i suoi pregi c’è anche quello di contrastare lo stress e i problemi d’insonnia.

Scopriamo allora quali iniziative e quali novità ci riserva l’edizione 2016 di questa affascinante e “salutare” competizione.

Run Tune Up 2016: una cultura “tangibile” della prevenzione

Gli esami diagnostici gratuiti in piazza Re Enzo

Tra le iniziative di questa 15esima edizione, spiccano quelle finalizzate a diffondere una cultura della prevenzione: in qualità di main sponsor della corsa, infatti, UniSalute ha pensato di dare una testimonianza concreta di quanto sport e salute siano strettamente collegati, e lo farà portando in Piazza Maggiore una rete di medici che, all’interno di due gazebo, sabato 10 settembre daranno la possibilità di effettuare una consulenza gratuita a tutti i cittadini che lo vorranno.

“Si tratta di esami assolutamente non invasivi, che potranno concludersi con una valutazione sia degli stili di vita che di quelli alimentari”, ha spiegato nel corso della conferenza stampa di presentazione Fiammetta Fabris, Direttore Generale UniSalute.

Ed un’opportunità simile verrà data, il giorno della competizione, anche agli atleti in gara i quali, sempre all’interno dei gazebo posti in piazza Re Enzo, potranno effettuare gratuitamente il test per valutare il loro livello d’idratazione, nonché di sostenere alcuni esami diagnostici.

“Sport e salute: i benefici dell’attività fisica ad ogni età”: il Convegno di UniSalute

A ciò si aggiunge un’altra importante novità: il Convegno Medico che UniSalute organizza annualmente e che solitamente si svolge nelle sale della torre Unipol, quest’anno sarà ospitato dalla biblioteca Sala Borsa di Bologna e avrà per oggetto le aree tematiche della salute e della prevenzione.  

“In particolar modo si parlerà dell’importanza dell’alimentazione e dello sport per un corretto stile di vita – sottolinea Fiammetta Fabris.
“Portiamo una testimonianza effettiva di come sport e salute possano e debbano andare a braccetto per modificare lo stile di vita degli italiani e aiutare a rimanere sempre in salute” conclude poi il direttore UniSalute, che in questo video ci racconta i dettagli del nuovo e significativo legame nato tra Unisalute e Run Tune Up.

Tra i relatori al Convegno di sabato 10, ma anche alla linea bianca di partenza della competizione, ci sarà poi un personaggio che, con la sua esperienza di vita, incarna l’importanza del binomio sport-salute: il perugino Leonardo Cenci, primo italiano che il prossimo 6 novembre correrà la maratona di New York con un cancro in atto.

La sua storia e il suo sorriso raccontano di chi riesce a combattere gli effetti collaterali della chemioterapia attraverso un allenamento costante che aiuta il fisico ma anche la mente a porsi e a raggiungere con determinazione gli obiettivi importanti.

Le iniziative collaterali 

Rune Tune Up 2015

Partendo da via Rizzoli, la mezza maratona si svolgerà, come ogni anno, per le vie del centro storico di Bologna: una gara a ritmo di musica che coinvolgerà 20 band, poste lungo tutto il percorso – e quindi una ad ogni chilometro – per motivare i partecipanti, e che si svolgerà contemporaneamente a numerose attività collaterali.

Domenica 11 settembre infatti, sullo sfondo di una città insolitamente sgombra dalle auto, aspiranti maratoneti e non potranno dare un contributo a favore delle popolazioni del centro Italia colpite dal terremoto, acquistando le magliette ufficiali della Run Tune Up.

A questa si aggiungono altre iniziative, come la raccolta di scarpe da running usate, che verranno riciclate per ottenere la materia prima necessaria alla pavimentazione di aree giochi per bambini in città, e di altre attività che accompagneranno la manifestazione per tutta la sua durata.  

Il programma completo della Run Tune Up 2016 è presente sul sito ufficiale della competizione.
Se siete già iscritti e conoscete già alla perfezione ogni dettaglio della manifestazione, non vi resta che fare tesoro dei nostri consigli sugli accorgimenti da mettere in pratica a poche ore dalla gara.
Se invece domenica le cose non dovessero andare come avete sperato, non fatevene una malattia: potrete sempre unirvi al Passo Capponi e fare vostro il motto “Arrivo tardi…ma arrivo!”.
Sarà comunque “uno spettacolo di gara”…

COMMENTA