Animale domestico: caneBenessereMamma e bambinoOsservatorio UnisaluteRagazza si allaccia le scarpe da corsaCoppia Terza EtàWelfare Aziendale Unisalute
biscotti zenzero e cannella

Biscottini di Natale allo zenzero e cannella

Tutti i profumi del Natale, quelli della cannella, dello zenzero e dei chiodi di garofano, racchiusi in un biscotto, tanto semplice quanto buono, che non può mancare in questo periodo invernale, insieme ad una calda tisana.

I biscottini allo zenzero e cannella sono conosciuti come biscotti pan di zenzero o, nel loro nome originale, gingerbread. Infatti, si tratta di biscotti tipici della tradizione del nord Europa, ormai diffusi anche in Italia, che si preparano durante il periodo delle feste natalizie. La ricetta è molto semplice e facile da realizzare, quindi perfetta da preparare insieme ai bambini, che si divertiranno a dare ai biscotti forme diverse e a decorarli.

La caratteristica di questi biscotti, al di là del sapore speziato che li ha resi simbolo del Natale, è il fatto che possono essere realizzati con forme diverse, ad esempio, alberi di Natale, stelle e pupazzi di neve, ma la forma più tipica è quella del famoso omino di pan di zenzero, protagonista di molte storie, noto con il nome di gingerbread man. Inoltre, sono perfetti da appendere sull’albero di Natale o da regalare, ideali per la colazione o per la merenda.

Le proprietà dei biscotti pan di zenzero

Un biscotto buono, dal sapore intenso, ma che grazie alle sue spezie è anche un dolce ricco di benefici: i chiodi di garofano e la noce moscata si utilizzano, oltre che per il loro aroma, anche per le loro proprietà antibatteriche e antiossidanti, che consentono di conservare i biscotti più a lungo; al tempo stesso, stimolano l’appetito, facilitano la digestione e riducono il gonfiore addominale.

Anche la cannella ha proprietà antibatteriche, antiossidanti e antifermentative, ma viene impiegata soprattutto nei dolci per la sua proprietà di ridurre gli effetti degli zuccheri sulla glicemia, ovvero sui livelli di glucosio nel sangue.

Lo zenzero, infine, è noto per le sue proprietà digestive, e questo rende i biscotti adatti ad essere consumati anche dopo un pasto abbondante o nel pomeriggio, come merenda insieme ad una tisana.

Print Recipe
Biscottini allo zenzero e cannella: la nostra variante
Per la nostra ricetta della salute, abbiamo apportato alcune modifiche alla versione originale: il burro è stato sostituito dall’olio di oliva (o di semi) e, al posto della melassa, abbiamo utilizzato il miele. Vediamo insieme come realizzare questi golosi biscotti.
Istruzioni
  1. In un contenitore mescolate tutti gli ingredienti in polvere: la farina tipo 2, la farina integrale, lo zenzero, la cannella, i chiodi di garofano, la noce moscata e il bicarbonato.
  2. A parte emulsionate bene con una frusta l’olio e l’uovo, incorporando il miele il sale e lo zucchero
  3. Poi aggiungete al composto gli ingredienti in polvere e mescolate bene fino a formare un panetto
  4. Avvolgete il panetto con una pellicola trasparente e fate riposare in frigo per mezz’ora circa.
  5. Stendete bene la pasta tra due fogli di carta forno, tagliate con le apposite formine e ponetele su una teglia foderata con carta forno.
  6. A parte preparate la ghiaccia reale: in una ciotola montate l’albume con qualche goccia di limone, poi incorporate poco alla volta lo zucchero a velo ben setacciato e continuate a lavorare la glassa con le fruste fino a che lo zucchero a velo sarà completamente amalgamato: dovremo ottenere una glassa omogenea e senza grumi.
  7. Trasferite la ghiaccia reale in una sac-à-poche e tagliate la punta ottenendo un foro molto fine e stretto
  8. Decorate i biscotti con la glassa e le codette colorate dando spazio alla vostra fantasia
  9. Ponete i biscotti in forno preriscaldato a 180°C (statico) per circa 15’.
Federica Portuese
Federica Portuese è nata e vive a Catania, dove lavora come biologa nutrizionista. Ha fatto della sua passione per la cucina buona e genuina di un tempo una professione basata sulla consapevolezza che, attraverso un’alimentazione sana, ci si possa prendere cura di sé stessi. Da circa un anno, collabora con diverse riviste di informazione alimentare.

COMMENTA