Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
Integratori per l'inverno

Di quali minerali e di quali vitamine abbiamo più bisogno durante l’inverno?

Il freddo invernale porta all’aumento di sindromi influenzali e rappresenta un rischio per la salute soprattutto nei soggetti più deboli, ovvero, bambini e neonati, anziani e malati cronici, oltre, naturalmente a chi svolge lavori all’aria aperta e alle persone indigenti costrette a vivere in strada.

Per fronteggiare le problematiche sanitarie correlate alle basse temperature e al clima
invernale
estremamente rigido, il Ministero della Salute predispone adeguate misure di sorveglianza nei confronti delle fasce più deboli della popolazione, dove si fa riferimento anche all’alimentazione, con il consiglio di assumere pasti e bevande calde ed evitare gli alcolici, perché non aiutano a difendersi dal freddo ma, al contrario, favoriscono una maggiore dispersione del calore prodotto dal corpo. In questo periodo, infatti, abbiamo bisogno più che mai di alcune vitamine e sali minerali, che fungono da integratori per l’inverno. Vediamo quali sono con l’aiuto della dott.ssa Debora Guerra – biologa nutrizionista presso Centri Medici UniSalute.

Integratori per l’inverno: cosa mangiare?

vellutata di cavolfiore

La prevenzione contro le sindromi influenzali comprende una serie di comportamenti e azioni che ci aiutano a rafforzare il sistema immunitario, il quale ha il compito di proteggerci da attacchi di virus e batteri. Occorre, quindi, dormire a sufficienza, evitare di accumulare troppo stress, coprirsi adeguatamente e controllare il microclima degli ambienti, aerandoli ed evitando sia l’umidità, sia l’aria troppo secca.
Inoltre, come spiega la dott.ssa Guerra: “un corretto apporto alimentare aiuta a soddisfare le richieste metaboliche dell’organismo, che aumentano in inverno, per una maggiore produzione di calore interno”. Bene, quindi, pasti e bevande calde ma anche misure precauzionali che possono implicare anche un eventuale assunzione di integratori che va sempre attuata però sotto controllo di professionisti addetti alla salute o del medico di base.

Vitamine e minerali alleati del sistema immunitario

Carote e barbabietole

“La dieta invernale deve basarsi su frutta e verdura di stagione che contengono vitamine e sali minerali, molto utili per difendersi dalle insidie del freddo”, specifica l’intervistata. Si tratta, in particolare di:

  • vitamina E
  • vitamina A (e betacarotene, suo precursore)
  • vitamina C
  • vitamina D
  • zinco
  • ferro.

Kiwi

La nutrizionista specifica che: “la vitamina D, che assorbiamo attraverso la luce del sole, ma che possiamo integrare mangiando uova e pesce, ci aiuta a tenere lontano il raffreddore, mentre la C, che si trova, ad esempio, nella zucca, negli agrumi e nel kiwi, protegge tutto l’organismo, agendo da antiossidante naturale e contribuendo a mantenere un sistema immunitario sano”.
Il betacarotene, precursore della Vitamina A, e la vitamina E, d’altro canto, sono fondamentali per stimolare le difese immunitarie, come suggerito dal Ministero della Salute. A tal proposito, può essere utile ricordare che i cibi che contengono maggiori carotenoidi sono:

  • carote
  • barbabietole rosse
  • cavolfiori
  • broccoli
  • carciofi

Carciofi proprietà

mentre tra quelli contenenti la vitamina E troviamo soprattutto frutta secca e olio extravergine d’oliva.
La dott. ssa Guerra ricorda inoltre, che tra gli integratori per l’inverno “il ferro, contenuto in carciofi e cardi, ma anche in pesce e legumi, è fondamentale per scongiurare l’anemia, che debilita e abbassa le difese, rendendoci più vulnerabili agli attacchi dei patogeni. Lo zinco, invece, sostiene la corretta azione di protezione dell’organismo e lo possiamo trovare nelle noci, nei legumi e nei cereali integrali”.

L’intervistata ricorda, inoltre, che per una corretta alimentazione in inverno occorre consumare molta verdura, ricca di fibre, fondamentali per la salute dell’intestino e per proteggerlo da attacchi esterni. “Tra questa, in particolare, è utile scegliere quella a foglia verde, come spinaci, rucola, cavolfiore, cavolini di bruxelles, biete e verza, che rafforzano l’organismo”.

Semplici regole per affrontare il freddo e proteggere il nostro organismo

Bere acqua

Nel decalogo “Come difendersi dal gran freddo” del Ministero della Salute, inoltre, si consiglia di bere almeno 2 litri di liquidi al giorno, salvo diverso parere medico, preferendo bevande calde. Oltre a questo tra le altre misure di prevenzione, troviamo:

  1. All’inizio della stagione epidemica, chiedere al proprio medico se fare il vaccino o meno; la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata in particolare alle persone di età superiore a 65 anni, ai soggetti affetti da malattie croniche e a donne nel secondo o terzo trimestre di gravidanza.
  2. Regolare la temperatura degli ambienti interni in modo che sia conforme agli standard consigliati per temperature invernali (generalmente intorno ai 18 ÷ 22°C).
  3. Controllare il microclima. Fai attenzione al grado di umidità: l’aria troppo secca può causare irritazione delle vie aeree, specialmente se si soffre di asma o malattie respiratorie; è possibile utilizzare umidificatori. Un’umidità eccessiva, al contrario, può provocare condense e favorire la formazione di muffe.Coprire bene bambini
  4. È importante aerare adeguatamente gli ambienti, in particolare se ci sono persone malate. Basta aprire per pochi minuti una finestra per cambiare l’aria viziata in una stanza.
  5. Fare attenzione agli sbalzi di temperatura quando si passa da un ambiente più caldo ad uno più freddo e viceversa.
  6. Fare particolare attenzione ai bambini molto piccoli e alle persone anziane non autosufficienti, coprili bene e controllare periodicamente la loro temperatura corporea.
  7. Quando si esce, indossare sempre sciarpa, guanti, cappello e un caldo soprabito; usare scarpe antiscivolo in caso di ghiaccio; se si parte per un viaggio in auto non dimenticare di portare coperte e bevande calde e di dotare l’autovettura di catene o pneumatici da neve.

Oltre a consumare i giusti nutrienti, che agiscono da integratori per l’inverno, è utile ricordare che la salute, in ogni momento dell’anno passa dalla prevenzione, ovvero dalla buona abitudine di seguire un’alimentazione sana, fare regolarmente attività fisica movimento e effettuare controlli periodici.
A tal proposito, soprattutto per i soggetti più fragili, una buona pratica può essere rappresentata dalla sottoscrizione di una polizza sanitaria come quelle promosse da UniSalute: i piani individuali prevedono infatti un’assistenza personalizzata, servizi di assistenza domiciliare post infortunio per anziani ed esami gratuiti. Conoscevate queste opportunità?

Elena Rizzo Nervo
Bolognese, lavora nel mondo della comunicazione occupandosi di alimentazione, agricoltura biologica e ambiente. É redattrice per "Il Giornale del Cibo" per il quale scrive su tematiche inerenti la nutrizione e i corretti stili di vita

1 Commento

  1. Loretta ha detto:

    Articolo molto interessante! Grazie 🙂

COMMENTA