Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
merenda sana

La merenda sana di Marco Bianchi: tanta buona frutta, per grandi e piccini!

I dati dell’obesità infantile preoccupano molto l’Organizzazione mondiale della sanità che, tra le cause principali di quella che viene definita una vera e propria “patologia”, identifica le cattive abitudini alimentari dei più piccoli e il junk food.

Certo, le merendine confezionate, i biscotti e i succhi di frutta in brick possono sembrare la soluzione più facile per il momento dello spuntino dei più piccoli, ma siamo proprio sicuri che una merenda sana e gustosa non si possa preparare in poco tempo e con poche energie?

Marco Bianchi, food mentor e divulgatore scientifico per la Fondazione Umberto Veronesi e Rita Loccisano, presentatrice televisiva e ideatrice del VisualFood,, ci hanno proposto, in occasione del convegno UniSalute “La salute si impara da piccoli. Corretti stili di vita per #CrescereInSalute” la loro idea di merenda della salute, a base di frutta fresca di stagione! Vediamo cosa, di buono, ci suggeriscono!

marco bianchi e rita loccisano

Credits by Francesco Lombardo

Quando la merenda diventa sana e divertente

È vero che, spesso, tra i palati più difficili da conquistare ci sono quelli dei bambini, ma a volte basta un pizzico di fantasia, o il consiglio giusto, per far consumare, con piacere, la frutta (e la verdura) ai più piccoli.

Tra i suggerimenti dei nostri esperti tante ricette saporite, gustose e soprattutto belle da vedere,!

Muffin di Mirtilli e Crumble di frutta fresca: la merenda della salute di Marco Bianchi

Se, come recita il blog di Marco Bianchi: “cucinare è un atto d’amore”, non si può di certo dire che i profumatissimi muffin ai mirtilli preparati dal famoso food blogger non contengano una buona dose di amore. I mirtilli, ricchi di nutrienti (sono antiossidanti e antinfiammatori), uniti a cocco e mandorle, conquistano il palato di grandi e piccini.

muffin mirtilli

Credits by marcobianchi.blog

Se volete cucinarli per i vostri piccoli preparate sul tavolo: 

  • 200 g di farina di tipo 1
  • 50 g di fecola di patate
  • 50 g di mandorle tritate
  • 50 g di cocco grattugiato
  • 1 cucchiaino di aceto
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 200 g di mirtilli
  • 60 ml di olio extravergine d’oliva delicato
  • 60 g zucchero mascobado
  • 140 ml di latte

Procedimento:

  1. Per prima cosa fate sciogliere lo zucchero mascobado nel latte insieme all’olio.
  2. Unite la farina, la fecola, le mandorle tritate, il cocco grattugiato, il lievito, l’aceto e mescolate bene.
  3. Alla fine aggiungete i mirtilli, incorporandoli con delicatezza.
  4. Riempite gli stampini con il composto fino a 2/3 e infornate a 180 gradi per 20 minuti.

Ottimo da abbinare ad uno yogurt al mattino, il crumble di nocciole proposto da Marco Bianchi, invece, si prepara in pochissimo tempo.

crumble foto

Credits by marcobianchi.blog

Ecco la lista degli ingredienti che servono per realizzare questo goloso spuntino:

  • 200 g farina tipo 2
  • 60 g zucchero mascobado
  • 15 g miele
  • 60 ml olio girasole bio
  • 120 g nocciole
  • 1 punta di cucchiaino di lievito per dolci

Procedimento:

  1. Cominciate mettendo in ammollo per 40-50 minuti le nocciole, poi scolatele e frullatele (non asciugatele, è molto meglio che restino piuttosto umide!).
  2. Aggiungete tutti gli altri ingredienti cercando di ottenere un impasto piuttosto irregolare e sabbioso.
  3. Foderate una teglia con della carta forno e spargetevi il crumble che infornerete per 20 minuti a 170 gradi.

Potete prepararlo in grandi quantità e abbinarlo alla frutta che volete, basta tagliarla in pezzi abbastanza grossi e spadellarla o cuocerla prima in forno… In alternativa, con yogurt e lamponi freschi, “è una bomba!” ci assicura Marco.

Ricetta per realizzare una divertente e golosa topo-pera

ricetta topo-pera

Credits by Francesco Lombardo

Pere, fragole, mirtilli e tanta tanta creatività per realizzare uno spuntino che farà mangiare la frutta ai bambini …con divertimento! Il topo-pera, progettato e realizzato da Rita, nell’ambito del progetto Fruit24.

Per realizzare il simpatico topo-pera servono:

  • 6 mirtilli disidratati
  • 2 pere Abate
  • 2 fragole
  • Succo di limone
  • 1 cannuccia

Procedimento:

  1. Pelate bene le pere e tagliatele a metà nel senso della lunghezza, dividendo anche il picciolo. Eliminate i semi e i filamenti, e poi irrorate le due parti con del succo di limone per evitare l’ossidazione.
  2. Aiutandovi con la cannuccia create 3 fori in ogni mezza pera: 2 per gli occhi e 1 per il musetto.
  3. Inserite 1 mirtillo secco in ogni foro preparato e anche mezzo picciolo per la coda. Poi tagliate due fettine di fragola per ogni topo-pera, serviranno per realizzare le orecchie. Con il resto delle fragole potete creare delle decorazioni a forma di fiore per guarnire il piatto.
  4. Praticate dei taglietti sulla pera e asportate una sottilissima fetta di polpa nei punti in cui inserire le orecchie. Inserite le fettine di fragola in questi taglietti et voilà: topo-pere pronte!

Insomma, basta un po’ di manualità e tanta voglia di giocare.

 

Come avete visto, la merenda può facilmente diventare un modo per far assumere ai più piccoli i nutrienti e le vitamine necessarie per farli crescere #InSalute e con gusto. Guidare i propri figli verso uno stile di vita sano sin dall’infanzia, infatti, non è un semplice accorgimento, ma un atto d’amore che pone le basi al loro benessere presente e futuro, per questo UniSalute ha deciso di dedicare ai bambini una polizza sanitaria, Protezione Famiglia Ragazzi, che prevede servizi di consulenza come “Il pediatra risponde”, ma anche un programma di miglioramento dello stile di vita che include l’attività motoria e l’alimentazione. Grazie ad una speciale promozione, fino al 31 ottobre, potrete acquistarla con uno sconto del 20%.

Tra le proposte UniSalute per i più piccoli, anche la app UniSalute Junior, un nuovo modo di imparare, giocando! Si può scaricare gratuitamente ed è utilissima per imparare e scoprire tanti consigli utili per tutta la famiglia. Perché crescere in salute significa anche imparare divertendosi, cosa ne pensate?

 

COMMENTA