Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
marmellata di fichi d'india

Marmellata di fichi d’India

Settembre è il mese perfetto per scoprire la bontà del fico d’India, un frutto versatile e diffuso nel nostro Paese soprattutto nelle regioni di Calabria e Sicilia, ma che cresce in buona parte del sud Italia. La sua polpa dolce e carnosa è una straordinaria fonte di vitamina C e di minerali, come potassio e magnesio, ma contiene anche una grande quantità di acqua, per un valore energetico di circa 55 kcal per 100 grammi. Antiossidante e utile per tenere sotto controllo la glicemia, il fico d’India ha purtroppo un unico inconveniente: le spine. Nel coglierlo e nel pulirlo, infatti, bisogna fare molta attenzione e indossare dei guanti per proteggere le mani. Una volta aggirato questo ostacolo, però, si potrà procedere a realizzare una invitante marmellata di fichi d’India, da conservare in frigo e spalmare sul pane per colazione e merenda, oppure da provare in abbinamento ai formaggi.

 

 

 

Print Recipe
Marmellata di fichi d'India
marmellata di fichi d'india
Tempo di preparazione 4 h
Tempo Passivo 12 h
Porzioni
Ingredienti
Tempo di preparazione 4 h
Tempo Passivo 12 h
Porzioni
Ingredienti
marmellata di fichi d'india
Istruzioni
  1. Mettete i fichi d'India in una ciotola piena d'acqua per almeno dieci minuti: questo passaggio servirà a eliminare una parte delle spine. Sciacquate i fichi e procedete alla pulizia.
  2. Pulite i fichi d'India, indossando dei guanti di gomma. Tagliateli in verticale, dopo aver eliminato le estremità, poi prelevate il frutto e mettetelo in una ciotola pulita.
  3. Tagliate i fichi d’india a pezzetti e metteteli in una pentola, aggiungendo 100 ml di acqua. Lasciateli cuocere fino a quando non cominceranno a spappolarsi, poi spegnete il fuoco e setacciate il composto per eliminare i semi.
  4. Mettete la polpa priva dei semi in una pentola più piccola, aggiungete lo zucchero e continuate la cottura della vostra marmellata, per almeno un'ora, o comunque fino a quando non avrà raggiunto la consistenza desiderata.
  5. A questo punto invasate la marmellata nei barattoli che avrete provveduto a sanificare, tappateli e capovolgeteli, lasciandoli così per una notte intera, per creare il sottovuoto. Prima di consumare la confettura, verificate sempre che il vasetto sia ancora sottovuoto, premendo sul tappo, e non utilizzate la marmellata se sentite un “click”. Una volta aperto, inoltre, il vasetto va conservato in frigorifero.
Recipe Notes

Come sanificare i barattoli

Sistemate i vostri barattoli dentro una pentola capiente, avvolgendoli con degli stracci perché non sbattano tra loro. Copriteli d'acqua e fate bollire per qualche ora, lasciateli raffreddare e toglieteli dall'acqua solo al momento di invasare, uno per volta.

 

COMMENTA