Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute

Giochi di memoria contro l’invecchiamento mentale: ecco gli esercizi per allenare la mente

La memoria è una delle abilità cognitive che risente maggiormente dello scorrere del tempo. È difficile poter stabilire un’età a partire dalla quale possono comparire i primi disturbi legati alla memoria. Se a tutti, anche alle persone più giovani, può accadere di avere delle dimenticanze, sono le persone anziane ad essere più frequentemente colpite da indebolimento della memoria. Quest’ultimo, infatti, è naturalmente correlato all’invecchiamento mentale, che porta a un deterioramento delle capacità di apprendere e memorizzare.
Grazie alla plasticità di cui è dotato, tuttavia, il cervello può essere allenato proprio come un muscolo del nostro corpo, attraverso semplici esercizi di training. Vediamo insieme alcuni giochi di memoria per gli anziani, utili per aiutarli nella vita di tutti i giorni.

La memoria e le sue fasi di elaborazione

Secondo lo psicologo americano Endel Tulving, ricordare è come fare un viaggio nel tempo. Una similitudine checalza a pennello, dal momento che il ricordo segna il trascorrere della nostra vita e la continuità della nostra identità personale. Nel mondo animale, siamo gli unici esseri viventi in grado di rivivere il passato e proiettarsi verso il futuro.

La memoria è infatti un’abilità fondamentale, e può essere paragonata ad un grande magazzino che contiene informazioni raccolte e archiviate nel corso della nostra esperienza passata. La letteratura scientifica distingue tre diverse fasi di elaborazione mnestica:

  1. la fase di codifica: il messaggio viene inserito all’interno di informazioni precedenti e trasformato in un codice
  2. la fase di ritenzione: il ricordo viene consolidato e stabilizzato
  3. e infine, la fase di recupero: l’informazione viene richiamata dalla memoria a lungo termine per poterla utilizzare.

Memoria a breve e lungo termine: la differenza

Sentiamo spesso parlare di memoria a breve e lungo termine, ma cosa significa? Questa suddivisione riflette la classificazione della memoria in base alla durata del ricordo. Vediamo insieme quali sono le differenze più significative tra le due tipologie.

  • La memoria a breve termine. Attraverso il processo mnemonico a breve termine, siamo in grado di immagazzinare ricordi e conservarli fino a pochi minuti. Se per esempio ascoltiamo un numero di telefono e lo codifichiamo in simboli, siamo in grado di ricordarlo per alcune decine di secondi.
  • La memoria a lungo termine. Questo processo consente invece di immagazzinare le informazioni per lungo tempo (giorni, mesi, anni o tutta la vita). Se ripetiamo più volte, nel corso del tempo, il numero che abbiamo codificato, lo impareremo e saremo in grado di ricordarlo a lungo.

Invecchiamento mentale e perdita di memoria

Alcuni processi cognitivi di base, come l’attenzione e la velocità di elaborazione, con l’invecchiamento diventano lentamente meno efficienti e possono compromettere il funzionamento cognitivo generale, compresa la memoria e i suoi sistemi.

Tra le cause principali dell’invecchiamento mentale c’è la perdita dei neuroni nel corso del tempo: un fenomeno naturale, dovuto a un cambiamento fisiologico che si intensifica con l’età avanzata. Il patrimonio neurale di partenza si usa collocare in 100 miliardi di neuroni, cifra del tutto approssimativa, che include neuroni e cellule gliali, oltre a cellule poco influenti sui processi intellettivi come i neuroni del cervelletto.

La perdita neurale riguarda soprattutto alcune strutture come l’ippocampo e la corteccia prefrontale: nel giro dentato dell’ippocampo a 85 anni essa può arrivare al 30%, accompagnata da un assottigliamento della corteccia.  Ma vi sono anche molte patologie che possono provocare disturbi della memoria, ad esempio l’ipertensione arteriosa, il diabete e il disordine della tiroide.

Giochi di memoria per gli anziani: gli esercizi per allenare la mente

Spesso si crede che il decadimento cognitivo sia inevitabile, ma la nostra mente è dotata di grande plasticità, che consente alle risorse cognitive di attivarsi attraverso procedure specifiche, come i training di memoria. La Scaffolding Theory of Aging and Cognition ha utilizzato l’immagine dell’impalcatura per evidenziare proprio la capacità che il cervello ha di riorganizzarsi.

In presenza di condizioni particolari, infatti, ad esempio quando apprendiamo nuovi concetti, vengono costruite delle “impalcature” che hanno l’obiettivo di far fronte ai cambiamenti legati all’età e di sviluppare nuove strutture celebrali.

Sfruttando questa capacità della nostra mente è possibile allenarla, attraverso il training cognitivo: una “ginnastica mentale” composta da semplici esercizi da svolgere anche in autonomia. L’associazione di neuropsicologi Assomensana, che dal 2004 si occupa della ricerca anti-aging celebrale e delle sue applicazioni, ce ne suggerisce alcuni: un allenamento adatto a tutti e molto utile per chi, superati i 65 anni, vuole mantenere giovane la propria mente. Nel caso di soggetti molto anziani o con particolari deficit cognitivi, Assomensana consiglia di semplificare gli esercizi, addattandoli.

Memorizzare articoli, notizie e racconti

Quando leggiamo o ascoltiamo un articolo o un racconto, è utile estrapolare le informazioni salienti utilizzando la “Tecnica delle 5 W”: Who, What, When, Where, Why.

Questo metodo facilita il successivo recupero delle informazioni, iniziando dal rispondere a una delle cinque domande. In alternativa, si può provare a ricordare quanto si è letto o ascoltando immaginando il contenuto come se fosse un film.

Memorizzare un indirizzo

Per memorizzare un indirizzo la tecnica che può essere utilizzata è quella dell’associazione: ogni elemento dell’indirizzo che dobbiamo memorizzare possiamo associarlo a qualcosa che ci è noto.

Per esempio, per memorizzare: via Palmiro Togliatti 50 – Bologna, è possibile ricordarlo così: Togliatti è stato un grande politico; 50 è l’anno di nascita di un familiare o un numero che è possibile collegare a qualcosa che mi sta vicino; Bologna è la città dove abita un amico o un personaggio famoso che mi piace.

Memorizzare i nomi

Per memorizzare i nomi delle persone bisogna prestare la massima attenzione nel momento in cui avviene la presentazione. Successivamente, il nome può essere ripetuto più volte nel corso della conversazione.

Memorizzare i numeri e numeri telefonici

Per memorizzare un numero, si può suddividere in cifre e cercare di associare ad ogni cifra un dato autobiografico (una data di nascita, la data di un anniversario o altri eventi particolari).

In alternativa, si può provare a elaborare con il numero un motivetto da cantare o immaginare le proprie mani mentre compongono il numero telefonico sulla tastiera di un telefono.

Memorizzare il posto in cui poniamo gli oggetti

È bene cercare di riporre gli oggetti sempre nello stesso luogo, non appena si è terminato di usarli. Se si è costretti a cambiare posto, ci si dovrà fermare un istante e nominare il luogo scelto, interrompendo il resto dei pensieri per il tempo necessario a focalizzarlo. Come per esempio: “portafoglio, ti lascio sul mobile dell’ingresso”.

Può essere utile anche, prima di uscire da una stanza, immaginare di vedere un semaforo rosso: ci si potrà fermare e pensare agli oggetti che si avevano con sé al momento dell’arrivo e cosa è necessario portare con sé.

Memorizzare liste di parole

Per memorizzare lunghe liste di parole vi sono diversi esercizi possibili:

  • Associazione delle parole in coppie affini
    Se ad esempio dobbiamo ricordare le parole: mare, dito, chiodo, sole, fame, barca, sete, luna, mano, muro posso riorganizzarle associandole in coppie, in questo modo: mare-barca, dito-mano, chiodo-muro, sole-luna, fame-sete.
  • Categorizzazione
    Questa tecnica serve per ridurre al minimo le informazioni da memorizzare. Per ricordare la lista della spesa composta da: zucchine, penne, cavolfiore, mele, merluzzo, petto di pollo, tonno, mozzarella, feta, spaghetti, melanzane e macinato, posso riorganizzarla lista in questo modo: verdura, frutta, pesce, carne, formaggio, farinacei.
    Costruendo delle categorie ho la possibilità di mantenere nella memoria diverse migliaia di parole.
  • Visualizzazione

Prendiamo una lista di oggetti da memorizzare. Se per ogni oggetto della lista proviamo a visualizzare nella mente la sua immagine associandola a una storia creata da noi, che chiaramente conterrà quell’oggetto, sarà più semplice memorizzarlo. Per esempio, volendo memorizzare la parola “cane”, potrò utilizzare una narrazione inventata da me, che ha come protagonista il cane della vicina di casa.

Giochi ed esercizi come questi si rivelano un grande aiuto per far fronte all’invecchiamento mentale, soprattutto per le persone anziane. Oltre ad attività stimolanti, come praticare hobby e interessi, per prevenire l‘invecchiamento cerebrale si rilevano indispensabili uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta. È importante anche sottoporsi a controlli periodici, pianificati con l’aiuto del proprio medico, che potrà consigliare il giusto trattamento in caso di disturbi della memoria legati alla terza età.

In questa fase così delicata, si potrà valutare una polizza assicurativa che sostenga l’anziano e i suoi familiari nel caso di problematiche o ricoveri ospedalieri come Assistenza Domiciliare over 65, l’assicurazione sanitaria di UniSalute che offre sostegno ai familiari nella cura dei propri cari, aiutandoli nelle difficoltà della vita quotidiana.

E voi avete mai valutato questa soluzione?

 

Fonti 

assomensana.it
fondazioneveronesi.it
“Potenziamento cognitivo e invecchiamento attivo: uno strumento per migliorare la memoria nella vita quotidiana”. Opuscolo informativo dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia.

Greta Esposito
Greta Esposito vive a Bologna e si occupa di comunicazione, ufficio stampa e PR. Per il blog InSalute scrive articoli finalizzati a divulgare le buone pratiche di prevenzione e controllo della salute.

COMMENTA