Animale domestico: cane Benessere Mamma e bambino Osservatorio Unisalute Ragazza si allaccia le scarpe da corsa Coppia Terza Età Welfare Aziendale Unisalute
gengive bianche

Gengive bianche: scopriamo le possibili cause di questo disturbo

Le gengive sane sono di colore rosa brillante. Può capitare che assumano toni più scuri, tendenti al rosso, e generalmente questo avviene a causa di una scarsa o irregolare igiene orale. Gengiviti o altri problemi di salute, alcuni anche piuttosto seri, possono causare anche una colorazione differente, con la comparsa di macchie o striature di colore bianco, per cui si parla di gengive bianche, un sintomo da tenere sotto controllo e per il quale è sempre buona norma consultare il proprio medico.

Scopriamo insieme quali possono essere le cause e come è possibile trattarle.

gengive sane

Gengive bianche: quali sono le cause più comuni?

Le gengive bianche sono per lo più causate da 3 stati patologici:

  1. Gengiviti (infezioni batteriche molto comuni)
  2. Leucoplachia (cheratinizzazione anomale dell’epitelio orale)
  3. Candidosi orale (infezioni micotiche del cavo orale)

Vediamo insieme nel dettaglio cosa comporta ognuna di queste condizioni.

Gengiviti

La gengivite è un’infezione di natura batterica, il più delle volte causata da cattive abitudini di igiene orale, legate ad esempio al poco tempo dedicato alla pulizia dentale o all’uso irregolare di scovolini e filo interdentale. Come conseguenza, le gengive possono assumere una colorazione rosa chiara o bianca fino, nei casi più gravi a ritirarsi andando incontro anche a possibile piorrea con perdita precoce dentale.

Altri sintomi legati alla gengivite sono:

  • denti mobili e instabili
  • sanguinamento gengivale
  • infiammazione e arrossamento gengivale
  • dolore e bruciore gengivale.

Candidosi orale

La candidosi orale anche chiamata mughetto, è un tipo di infezione micotica che si sviluppa all’interno del cavo orale causata dallo stesso fungo responsabile delle infezioni vaginali da Candida albicans. La candidosi orale può diffondersi dalle pareti interne della bocca fino alle gengive e alla lingua. L’infezione può così far apparire le gengive bianche, rivestendole di una patina spesso maleodorante.

cause gengive bianche

Leucoplachia

La leucoplachia è una condizione di anomala cheratinizzazione dell’epitelio che porta alla comparsa di placche bianche e spesse che vanno a ricoprire gengive, lingua e parete interna della bocca. A volte queste zone sono così spesse che hanno un aspetto simil-vellutato.

Questa condizione deriva per lo più da abitudini scorrette di vita che provocano una costante irritazione del cavo orale, ivi incluse gengive e lingua. Gli esempi di cause più comuni sono:

  1. l’abitudine del fumo
  2. consumo di cibo senza una corretta igiene orale
  3. consumo di alcol

Estrazione e sbiancamento dentale

Come conseguenza di un’ estrazione dentale o di uno sbiancamento estetico dentale, è possibile notare un passeggero e apparente scolorimento gengivale o nei pressi del dente estratto o dell’intera arcata gengivale. In entrambi i casi, questo è dovuto semplicemente al trauma della procedura applicata. Le gengive torneranno alla loro colorazione normale entro pochi giorni dal termine dell’evento traumatico.

estrazione dentale gengive bianche

Altre condizioni che possono portare alle gengive bianche: anemia e ulcere orali

L’anemia è una condizione patologica che causa un basso numero di globuli rossi nel circolo ematico di chi ne è affetto. Gli eritrociti portano ossigeno ai tessuti e agli organi dell’organismo, incluse le gengive, spesso quindi il pallore generale riguarda non solo la pelle in chi ne è affetto ma anche le gengive, appunto. Le cause dell’anemia sono molteplici e a volte, possiedono anche una componente genetica. L’anemia potrebbe essere causata anche da una carenza o un malassorbimento di ferro o di vitamina B12.

Ulcere orali o afte

Le ulcere orali, o afte, sono lesioni ulcerose dolorose che si sviluppano all’interno della bocca. Possono verificarsi all’interno delle guance, sotto la lingua o nella parte interna ed esterna gengivale. Sono dolorose al contatto, quando si mangia, si beve, si parla o quando si deglutisce. Queste ulcere hanno una parte centrale chiara e se si sviluppano nei pressi delle pareti gengivali, possono far apparire bianca anche la gengiva stessa.

Gengive bianche e cancro orale

In rari casi, le gengive bianche possono indicare una condizione più grave, come il cancro orale. Questa forma tumorale può diffondersi rapidamente, è aggressiva e può influire anche sull’aspetto gengivale, sulla lingua e sul palato. Il cancro orale, come spesso accade, non è sintomatico, il che può portare a una diagnosi non immediata. Secondo il National Cancer Institute infatti, più della metà dei casi di cancro orale non vengono diagnosticati fino a quando esso non si è già diffuso nel resto della bocca raggiungendo anche i linfonodi. Naturalmente in questi casi Il trattamento dipende dallo stadio tumorale in cui ci si trova e alla scelta delle terapie con il medico oncologo.

sintomi gengive bianche

Cura e trattamento per le gengive bianche

Proprio perché le cause delle gengive bianche sono molteplici, i trattamenti dipendono dall’individuazione di esse.

In linea generale, per facilitare la cura della gengivite è bene:

  1. praticare buone abitudini di igiene orale con uso del filo interdentale e scovolini;
  2. sottoporsi a visite regolari dentistiche 2 volte l’anno;
  3. sottoporsi a igiene almeno 1 volta l’anno.

Le afte sono tra le cause più facilmente trattabili delle gengive bianche. In genere tendono a guarire senza alcun trattamento se non lenitivo per il dolore, entro due settimane; se, invece, la sintomatologia peggiora o non scompare entro questo periodo di tempo, potrebbe significare che si è in presenza di qualcosa di più grave. Il medico può raccomandare quindi risciacqui o corticosteroidi per via orale.

Il trattamento per l’anemia include:

  1. cambiamenti nella dieta che possono aiutare ad assimilare più efficacemente ferro e vitamina B12;
  2. supplemento di vitamina C;
  3. cura delle malattie infiammatorie se alla base dell’anemia

La candidosi orale viene di norma trattata con:

  1. farmaci antimicotici;
  2. assunzione di fermenti lattici;
  3. cambiamento di alimentazione con riduzione di carboidrati e zuccheri e preferenza di verdura e frutta fresca.

igiene orale

Per diagnosticare la leucoplachia, il medico esegue un prelievo citologico o istologico. Il trattamento riguarda anche in questo caso, un cambiamento di abitudini tra cui:

  1. smettere di fumare
  2. migliorare l’igiene orale

In generale quindi, possiamo certamente affermare che le gengive bianche hanno origine da molte cause diverse: è quindi importante scoprire, a quale è possibile essere ricondurli, per poter trattare in maniera efficace la patologia, e sottoporsi regolarmente a visite dentistiche di controllo.
UniSalute con l’Assicurazione dentista adulti permette di effettuare gratuitamente visite di controllo e igiene orale in modo da monitorare la salute della propria bocca e dei propri denti. Inoltre, la copertura comprende:

  • interventi chirurgici odontoiatrici
  • cure odontoiatriche in caso di incidente stradale
  • risparmio medio del 41% rispetto alle normali tariffe su tutte le altre prestazioni dentistiche.

In oltre 5000 centri dentistici convenzionati.

 

Vi è mai capitato di soffrire di questo disturbo?

 

Fonti:

Linee guida nazionali per la promozione della salute orale e la prevenzione delle patologie orali in età adulta – Ministero della Salute
salute.gov.it
sipmo.it
aaomp.org
mouthhealthy.org
cancer.gov

Carmela Giambrone
Carmela Giambrone vive e lavora poco lontano da Milano. È una giornalista e si occupa da molti anni di alimentazione naturale e sostenibilità. Per UniSalute scrive di prevenzione, salute e benessere.

COMMENTA