Animale domestico: caneBenessereMamma e bambinoOsservatorio UnisaluteRagazza si allaccia le scarpe da corsaCoppia Terza EtàWelfare Aziendale Unisalute
Case-history-BNL

CASSA SANITARIA BNL – GRUPPO BNP PARIBAS: UNA CASE HISTORY DI ECCELLENZA

Un ruolo importante tra i protagonisti del welfare è certamente oggi occupato dal mondo delle imprese, che hanno le possibilità economiche e organizzative per attuare politiche aziendali a favore dei lavoratori influendo positivamente sulla loro motivazione e migliorandone gli stili di vita.

Anche il mondo bancario rappresenta oggi un attore importante all’interno dell’ecosistema welfare attraverso l’erogazione di servizi rivolti ai propri dipendenti al fine di migliorarne la vita privata e lavorativa, partendo dal sostegno al reddito familiare, allo studio, alla genitorialità, alla tutela della salute, fino a proposte per il tempo libero e altre agevolazioni.

Per capire più da vicino gli aspetti più rilevanti nel mondo bancario di queste importanti azioni di sostegno, abbiamo voluto analizzare un caso di “eccellenza”: BNL Gruppo BNP Paribas che, con oltre 100 anni di storia è uno dei principali gruppi bancari, con 2,7  milioni di clienti e 13  mila collaboratori e che dal 2006 fa parte del Gruppo BNP Paribas, uno dei leader mondiali dei servizi bancari e finanziari.

Per questo motivo abbiamo intervistato il Presidente della Cassa Sanitaria del personale delle Società dei Gruppi BNL e BNP Paribas Italia, Dott Marco Salvatore Fogu.

 

Gentilissimo dott. Fogu, Cassa Sanitaria dei gruppi BNL e BNP Paribas Italia è rappresentativa di uno dei gruppi bancari più importanti nel panorama italiano e non solo. Ci racconta qualcosa di più sulla cassa, e sul ruolo che ha avuto e che continua ad avere nell’erogazione di servizi di welfare integrativo con particolare riferimento all’ambito sanitario?

Marco Salvatore Fogu: “La Cassa Sanitaria BNL è stata istituita nel 1998 a seguito dell’accordo tra Banca Nazionale del Lavoro Spa e le Segreterie degli Organi di coordinamento delle rappresentanze sindacali aziendali, con lo scopo di garantire al personale BNL prestazioni di assistenza sanitaria integrativa al Sistema Sanitario Nazionale. Sono quindi diversi anni che portiamo avanti il nostro ruolo con impegno e professionalità.

Inizialmente erano previsti due diversi sistemi di tutela del personale, uno per le Aree Professionali e l’altro per i Quadri Direttivi della banca, poi dal 2008 si è deciso di dare vita ad un’unica Cassa sanitaria favorendo così sinergie che consentissero un rapporto più equilibrato premi/sinistri e una maggiore capacità negoziale della Cassa nella scelta delle coperture sanitarie per i lavoratori. Questa operazione è stata decretata con il voto dei lavoratori e delle lavoratrici iscritti, e include come iscritti di diritto, tutti i dipendenti della Banca Nazionale del Lavoro, dando facoltà di adesione anche ad esodati e pensionati.

L’altissimo numero di adesioni (pressoché totale) e l’oculata gestione della Cassa, ha consentito di arricchire la gamma di prestazioni sanitarie offerte ai lavoratori, di garantire una maggiore solidarietà e tutela e di ampliare le prestazioni anche ai nuclei familiari degli iscritti.

Piani sanitari per welfare aziendale

Ritengo che la salvaguardia della Cassa Sanitaria BNL come strumento di Welfare sia un obiettivo fondamentale, in uno scenario in cui le condizioni economiche e sociali sono sempre più complesse e le risorse economiche limitate.

Lo spirito di mutualità, che favorisce la realizzazione di un’assistenza sanitaria collettiva, testimoniato anche dal senso di appartenenza e di adesione alla Cassa, che in questi anni si è via via rafforzato, ci rende consapevoli dell’importanza di salvaguardare questo strumento che affianca ed integra il Servizio Sanitario Nazionale. Ad oggi la Cassa conta un numero di iscritti pari a 34.764

 

Quali sono, secondo lei i punti di forza che vi hanno consentito di mantenere e solidificare un rapporto con la banca da così tanti anni?

M.S.F: “Ritengo che il nostro punto di forza risieda nella capacità di garantire alla Banca non solo uno strumento di welfare per l’offerta di coperture sanitarie integrative ma un vero e proprio supporto gestionale a tutto tondo in grado di affiancare la Banca in tutti gli aspetti operativi, organizzativi e gestionali per uno sviluppo del welfare sanitario a 360°. L’efficienza del nostro modello gestionale, strettamente integrato con i sistemi e i processi di UniSalute, la Compagnia assicurativa che gestisce le prestazioni sanitarie, è riscontrabile dall’elevata attitudine all’innovazione e all’utilizzo della tecnologia. Gli iscritti ad oggi hanno a disposizione un sito web dedicato raggiungibile anche dalla loro intranet aziendale, dove è possibile effettuare tutte le operazioni legate alla gestione della propria polizza, dalle prenotazioni alle richieste di rimborso in modo facile e veloce.

app unisalute

Abbiamo inoltre messo a punto, in sinergia con il nostro provider Cassagest, un’app dedicata, “My Cassa BNL”, con la quale gli iscritti possono fare tutte le operazioni legate al proprio piano sanitario (prenotazioni, rimborsi, estratto conto ecc..) h 24 7 giorni su 7 in piena autonomia e con estrema facilità.

Siamo in grado quindi, grazie all’elevata ingegnerizzazione dei processi della Compagnia assicurativa strettamente correlati alle nostre procedure, di gestire attività complesse garantendo un elevato livello di coordinamento e di controllo delle stesse.

Infine un ulteriore aspetto positivo che vorrei sottolineare a beneficio del rapporto di grande fiducia che lega La Cassa sanitaria, UniSalute e la Banca, riguarda la stabilità del contratto dal punto di vista normativo. La struttura delle polizze è sempre stata rispettata così come stabilita di comune accordo e ha sempre avuto una propria continuità senza stravolgimenti particolari, questo significa anche una grande garanzia dal punto di vista etico. Posso dire che in vent’anni di attività sono stati soltanto tre i cambiamenti rilevanti sotto questo aspetto che non hanno inficiato gli accordi contrattuali presi”.

 

Parliamo ora della compagnia assicurativa che gestisce le prestazioni sanitarie delle polizze BNL: UniSalute. Come è nata la collaborazione con la compagnia del Gruppo Unipol e quali sono i rapporti e i punti di convergenza tra voi, UniSalute e la banca?

M.S.F: “UniSalute è la Compagnia del Gruppo Unipol specializzata in polizze sanitarie con un’esperienza ultraventennale nella protezione della salute che annovera tra i suoi clienti le più grandi aziende italiane, le banche, i Fondi nazionali di categoria e le Casse Professionali.

Il nostro rapporto di collaborazione è nato a seguito di una gara indetta  per valutare soluzioni alternative alla Compagnia che allora stava gestendo le prestazioni. È stato un rapporto paritetico che si è consolidato molto nel corso degli anni e che ci ha visti fortemente uniti nel portare avanti progetti e azioni in stretta sinergia.

L’interazione tra la Cassa sanitaria BNL, UniSalute e la Banca stessa infatti è fortissima e i piani sanitari e i servizi collegati sono disegnati anche per favorire questa interazione che è sempre molto trasparente nel pieno rispetto dei rispettivi ruoli.

UniSalute ha un elevato know-how e un’alta specializzazione in ambito sanitario che ci permettono di offrire soluzioni altamente personalizzate in base alle singole esigenze.

Il nostro obiettivo è quello di fornire riposte adeguate alle reali necessità di salute delle persone e migliorarne la qualità di vita e UniSalute lo fa attraverso soluzioni e servizi integrati con percorsi completi di assistenza e di cura.

In accordo con la Banca per prima cosa effettuiamo un’approfondita valutazione delle necessità per poi studiare la soluzione più efficace per le esigenze delle varie categorie di lavoratori. Oppure a volte siamo noi stessi a proporre alla Banca nuovi servizi o coperture in base alle evoluzioni di mercato. È un confronto continuo e costruttivo che ci porta sempre a studiare il meglio per i lavoratori e le famiglie. Tanti sono i vantaggi offerti dalla Compagnia assicurativa.

Grazie a UniSalute gli iscritti possono accedere a migliaia di strutture sanitarie convenzionate in Italia e all’estero di qualità e possono contattare la Centrale Operativa telefonica con operatori specializzati e medici sempre presenti”.

Le propongo ora di analizzare più da vicino le coperture sanitarie in essere previste per il personale BNL e BNP Paribas Italia. Come sono articolati i piani sanitari, quali sono le prestazioni offerte e come si sono evolute nel corso del tempo?

M.S.F “Ad oggi i piani sanitari previsti per il personale BNL e BNP Paribas Italia sono tre, suddivisi sulla base delle seguenti categorie:

  • Dipendenti in servizio appartenenti alle aree professionali e ai quadri direttivi
  • Dipendenti in quiescenza appartenenti alle aree professionali ed i quadri direttivi di I e II livello
  • Dipendenti in quiescenza appartenenti alle aree professionali ed i quadri direttivi di III e IV livello

Le coperture possono essere estese ai membri del proprio nucleo familiare.

Tutti i piani sanitari sono articolati secondo una struttura ben definita: una copertura Base e una o più coperture Facoltative che possono essere acquistate per completare la copertura base e avere una tutela più completa.

In generale le coperture di Base prevedono, seppure con qualche differenziazione per le varie categorie professionali, il pagamento delle spese in caso di: ricovero,  day hospital, intervento chirurgico ambulatoriale, prestazioni di alta specializzazione e diagnostica, visite specialistiche e accertamenti diagnostici, trattamenti fisioterapici riabilitativi a seguito di infortunio, odontoiatria e ortodonzia, cure odontoiatriche terapie conservative e protesi odontoiatriche, protesi (acustiche e anatomiche), riabilitazione in seguito di autismo e dislessia spese di viaggio e pernottamento dei genitori in caso di malattia genetica del figlio, prevenzione, diagnosi comparativa, copertura per stati di  non autosufficienza temporanea, servizi di consulenza e assistenza.

Coperture sanitarie dipendenti

Le coperture facoltative di solito prevedono una riduzione delle eventuali franchigie a carico del lavoratore o un aumento dei massimali previsti dal piano Base, nonché l’aggiunta di nuove coperture quali ad esempio il pagamento delle spese sostenute per lenti o altro.

Gli iscritti hanno la massima libertà di scegliere la struttura a cui rivolgersi per fare la prestazione: strutture sanitarie convenzionate con UniSalute per Cassa Sanitaria BNL, strutture o medici non convenzionati e Servizio Sanitario Nazionale.

Nel primo caso UniSalute paga direttamente la struttura salvo eventuali costi a carico del cliente, mentre negli altri due casi (fuori rete convenzionata e SSN) viene comunque rimborsato il costo della prestazione all’iscritto secondo quanto riportato nelle singole garanzie.

Nel corso degli anni le coperture si sono molto evolute ed arricchite in base alle esigenze e richieste espresse direttamente dalla Cassa e in base anche alle evoluzioni del mercato.

Abbiamo introdotto coperture completamente nuove per rispondere alle varie necessità e per venire incontro a tutti i bisogni di tutela, del singolo e delle famiglie con particolare riguardo alla salute dei figli e delle mamme.

Pensiamo che quando la polizza partì, nei primi anni di vita rientrava in copertura il pagamento delle spese per “Ricovero per Grandi interventi chirurgici” e poco altro ed era rivolta solo ai dipendenti con esclusione dei familiari, quindi di strada ne abbiamo fatta.

Riteniamo che, così strutturati, i piani sanitari offrano una tutela completa sia in caso di necessità importanti e più rari quali un ricovero sia in caso di prestazioni più frequenti come le visite specialistiche e gli accertamenti diagnostici.

Particolare importanza ha il tema della odontoiatria, che comprende prestazioni di cura e prevenzione permettendo un sostegno nei confronti di spese importanti. Grande importanza riveste poi la prevenzione”.

Fermiamoci sul tema prevenzione. Perché per lei è così importante?

M.S.F: “Quando si parla di salute la prevenzione ha un ruolo fondamentale. È un’arma importante che tutti noi abbiamo a disposizione per fare in modo di ammalarci di meno e mantenerci in buona salute. Ecco perché abbiamo deciso, in comune accordo con la Compagnia e la Direzione bancaria, di introdurre nelle coperture sanitarie specifici check-up suddivisi per età e per genere che comprendono gli esami preventivi delle patologie cardiovascolari e oncologiche più frequenti, da effettuarsi una o due volte l’anno. Per offrire un alto livello di servizio, la massima qualità e accuratezza clinica negli esami di prevenzione UniSalute ha costituito una rete di strutture sanitarie convenzionate dedicate ai check-up preventivi con apparecchiature all’avanguardia, medici e infermieri altamente professionali.

Fanno parte della rete anche strutture, laboratori, centri medici sia pubblici che privati che effettuano esami diagnostici altamente innovativi compresi i test genetici di ultima generazione di comprovata validità clinica”.

Servizi piano sanitario

Come mai avete deciso di estendere le polizze anche ai familiari degli iscritti alla Cassa? Questa possibilità di copertura viene utilizzata?

M.S.F: “Pensare ai familiari dei dipendenti, quadri o esodati ritengo sia importante perché vuol dire sollevarli, per quanto possibile da alcune preoccupazioni, alleggerirli dedicando loro la possibilità di contare su una tutela completa in caso di bisogno. Non solo una tutela in termini “monetari” ma anche di aiuto e consulenza a trovare la soluzione migliore in momenti difficili. Abbiamo pensato alle mamme e ai figli, in particolare anche a quelli con problemi. Pensiamo ai tanti casi di figli dislessici o autistici ad esempio e alle spese che una famiglia si trova a sostenere in questi casi. Ecco che abbiamo previsto una copertura proprio per andare incontro a questa difficoltà che aiuta con un sostegno economico e che indirizza a trovare anche le strutture e i medici più adeguati per questo problema. Questo è solo un esempio per dire quanto ci stia a cuore anche la famiglia. Le coperture per i familiari sono state accolte con grande successo e registrano un ottimo livello di adesione”.

 

La collaborazione con UniSalute abbraccia anche altre attività collaterali all’erogazione di prestazioni sanitarie integrati?

M.S.F: “Certo. Come affermato inizialmente la grande collaborazione che ci lega alla Banca a alla Compagna assicurativa ci permette di offrire servizi consulenziali a tutto tondo che prevedono ad esempio l’organizzazione di convegni ed eventi o attività di formazione ad hoc per i neo assunti.

Nel corso degli anni abbiamo organizzato vari eventi e seminari per condividere temi legati allo sviluppo della sanità integrativa con la presenza anche, tra i relatori, di esponenti di rilievo nel settore. L’obiettivo è stato quello di valutare insieme l’evoluzione del mercato della sanità per poi identificare le risposte più adeguate in termini di tutela sanitaria. Penso che anche questo impegno rappresenti una parte importante del nostro contributo al welfare”.

Emergenza Coronavirus: in questo periodo di grande emergenza sanitaria si è pensato a coperture specifiche per i rischi da Covid-19?

M.S.F: “Certamente, non appena l’emergenza ha toccato anche il nostro paese e ha coinvolto in particolare tutti i lavoratori, il primo pensiero è stato quello di tutelare la salute con una protezione ancora più completa. La Cassa, di comune accordo con la Compagnia e la Direzione della Banca, ha deciso quindi di estendere alcune coperture già presenti nei piani sanitari in essere con prestazioni specifiche per i rischi da Coronavirus.

coronavirus comportamento responsabile

Ad esempio l’ospedalizzazione domiciliare post ricovero è garantita anche a seguito di ricovero per contagio COVID-19. L’indennità sostitutiva per ricovero viene corrisposta anche in caso di ricovero per Covid-19 e non solo, viene garantita anche nel caso in cui l’assicurato sia sottoposto al regime di quarantena presso il proprio domicilio a seguito di positività al tampone COVID-19.

Si tratta di un aiuto in più che vuole andare incontro a tutti coloro che si trovano ad affrontare direttamente l’esperienza del contagio, fornendo loro un supporto e sostenendoli anche da un punto di vista economico”.

COMMENTA